Radiosa Music

on air

" MUSIC TIME"

07.00-10.00*

News Amabili Confini 2020, la quinta edizione dal 9 Maggio a Matera

La quinta edizione del progetto di cultura partecipata Amabili Confini si preannuncia in versione digitale, con tappe di avvicinamento alla rassegna ufficiale che ripropongono video e servizi tratti dall’archivio dell’associazione ed una clip promozionale degli scrittori Peppe Millanta e Daniele Mencarelli.

L’anteprima si svolgerà sabato 9 maggio in compagnia della scrittrice Nadia Terranova. Seguirà una densa programmazione da lunedì 11 a domenica 17 maggio, che si terrà sempre in streaming sulla pagina facebook di Amabili Confini. La rassegna ospiterà Christian Raimo, Vera Gheno, Chiara Valerio, Alberto Garlini, Fuani Marino, Andrea Pomella e Maurizio De Giovanni.

Team Amabili Confini 2020

Il ricco e compatto calendario degli incontri virtuali, consultabile sul sito www.amabiliconfini.it, è strutturato in 9 rubriche dedicate al dialogo con gli scrittori ospiti, con gli autori dei testi selezionati, con i gruppi di lettura, con gli studenti del Liceo Classico “E. Duni” di Matera e con i partner, a cui potrà partecipare anche il pubblico da casa mediante messaggi.

La voce della doppiatrice Antonella Grieco contrassegnerà lo spazio “Bussole. Orientarsi tra amabili parole”, riservato alla lettura di un breve testo sul tema “Parole”.

Maria Rosaria Salvatore e Selena Andrisani si alterneranno nella conduzione delle successive rubriche.

Parole tra le righe” è designata alla conversazione con lo scrittore ospite sul proprio romanzo o saggio di ultima pubblicazione. Le interviste agli autori saranno affidate, di volta in volta, ad un tandem di moderatori: il critico cinematografico Ivan Moliterni e l’animatrice del blog Bookmark Claudia Zancan dialogheranno con Christian Raimo; l’archeologa Isabella Marchetta e lo scrittore Roberto Moliterni con Chiara Valerio; la docente Antonella Radogna e il presidente del Movimento Culturale Spiragli di Altamura Bartolomeo Smaldone con Alberto Garlini; l’ingegnere Simona Nardulli e Salvatore D’Alessio della libreria Ubik di Foggia con Fuani Marino; l’animatrice culturale Isabella D’Alessandro e la presidente dell’associazione Lo sguardo di Omero di Lecce Annalisa Montinaro con Andrea Pomella; le giornaliste Antonella Ciervo e Stella Montano con Maurizio De Giovanni.

Scambiamoci parole” accoglierà gruppi di lettori che potranno porre alcune domande allo scrittore.

Parole in bella copia” promuoverà il dialogo tra l’autore e gli studenti del Liceo Classico “E. Duni” di Matera.

Parole al contrario” proporrà interviste agli autori dei racconti scelti nelle edizioni precedenti: Annachiara Clementelli e Alessia Trezza (edizione 2017); Agnese Ferri, Costantino Dilillo, Alessia Marcosano e Sonia Cristallo (edizione 2019); Giuseppe Perrucci e Clara Spagnuolo (edizione 2016); Francesco Sciannarella e Rosanna Marazia (edizione 2018).

Parole inedite” è dedicata agli autori dei testi scelti tra quelli pervenuti quest’anno da ciascuna delle cinque macroaree materane; nella rubrica verrà citato anche l’autore del componimento scelto in collaborazione con l’associazione Matera Poesia 1995 e del testo scelto tra i “Fuori zona”, ovvero tra quelli pervenuti da altri comuni lucani e regioni italiane.

Parole oltre i confini” darà voce alle “periferie sociali”, con l’intervento di Walter Gentile, responsabile dell’area pedagogica della Casa Circondariale di Matera e di Serena Altamura,presidente di Tolbà.

Amabili alchimìe” è dedicata alle associazioni dei territori limitrofi con cui sono state avviate delle collaborazioni e siglati dei protocolli d’intesa. Si converserà con Bartolomeo Smaldone del Movimento Culturale Spiragli di Altamura, con Roberta Giuliano dell’associazione Pensiero attivo di Ferrandina e con Marzia D’Alessandro di Culture in Movimento di Miglionico.

Come per le edizioni precedenti, al termine della rassegna tutti i testi pervenuti saranno inseriti  in un’accurata antologia  e pubblicati on line sul sito di Amabili Confini. “Sarà un’edizione insolita – afferma il direttore artistico Francesco Mongiello – che presenterà elementi di innovazione, sfruttando al meglio le opportunità offerte dal digitale per raggiungere un pubblico ancora più ampio, e che al contempo manterrà inalterata la sua carica di entusiasmo e coinvolgimento emotivo”.

Condividi sui social
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •